irriducibili all'arsenale
Gli ultimi ad andare via, con l’Arsenale sullo sfondo

Ci siamo ripresi dall’intensa giornata di domenica, in cui finalmente l’Arsenale ha aperto le sue porte alla città. Qualcosa si muove davvero. Il bilancio è estremamente positivo: quasi 2500 visitatori e un totale di circa 100 volontari impegnati su tutto l’arco della giornata, non potremmo essere più soddisfatti!

Mai come domenica Pavia ha dimostrato che il lavoro di ognuno è indispensabile e insostituibile per raggiungere dei risultati positivi. Per questo vogliamo ringraziare tutti.

Grazie ai cittadini che hanno a cuore le sorti dell’Arsenale: il vostro sostegno è reale e tangibile ed è il vero motore della progettazione partecipata e di tutto il lavoro che stiamo portando avanti da tanti mesi.

Grazie al Comune di Pavia, che ha reso materialmente possibile l’openday rendendosi interlocutore del Demanio: sindaco, assessori (li abbiamo visti proprio tutti!) e dirigenti hanno partecipato attivamente alle attività di supervisione, coordinamento, registrazione e, in generale, controllo continuo della situazione.

ruffinazzy registrazione
Anche gli assessori comunali si sono prestati come volontari!

Grazie ai tantissimi volontari che, tramite Arsenale Creativo e Fai, hanno deciso di dedicare qualche ora del proprio tempo a guidare i tantissimi visitatori all’interno dell’area, assicurandosi che le visite si svolgessero al meglio. Il Fai in particolare ha messo a disposizione la sua fondamentale esperienza nella gestione di eventi importanti come quello di domenica scorsa.

Grazie a chi si è speso per la sicurezza: Polizia locale, Protezione civile, Parco del Ticino, Croce verde e Croce rossa. Fortunatamente è andato tutto bene ma, senza di voi, la giornata non avrebbe potuto nemmeno essere immaginata.

Grazie agli ex-lavoratori dell’Arsenale che si sono messi a disposizione dei cittadini raccontando loro aneddoti e curiosità su questo luogo splendido.

Grazie ad Asm che ha pulito l’intero percorso in tempi brevissimi, in modo da renderlo praticabile, più sicuro e piacevole per i visitatori.

Grazie a Giulio Ernesti che ha curato la mostra sulle buone pratiche in Europa e in Italia e all’Università che ha arricchito l’esposizione con i suoi progetti per l’area.

Grazie ad “Ascolto Attivo”, senza il quale tutto il lavoro di Arsenale Creativo sarebbe lento e incerto: siete una fonte di sicurezza.

Grazie a Silmy Mohamed, della pizzeria accanto, per averci regalato, in modo del tutto inaspettato quanto gradito, acqua, coca e bicchieri nel momento di maggior caldo, permettendoci di offrire qualcosa da bere anche ai passanti.

Grazie agli amici che, in modo del tutto spontaneo, ci hanno regalato un sorriso portandoci cose buone da mangiare.

Quella di domenica è davvero stata una giornata a coronamento di un anno e mezzo di lavoro, divenuto man mano più intenso. Nulla è più bello e gratificante del sentire le persone piene di sorpresa ammirazione per le scoperte potenzialità dell’Arsenale: finchè non lo si vede non si capisce appieno e l’effetto è davvero folgorante.

Non vi ringrazieremo mai abbastanza.